Archive from aprile, 2010
Apr 27, 2010 - EVENTI DEL Q.I E...    No Comments

Cavalieri

Veniamo al nome…Cavalieri…xké lo scopo è come Dama, bisogna far raggiunge alla pedine la sponda opposta del piano di gioco.

Ora veniamo alle regole…più complicate nel dirsi che a farsi…. :
1. Piano di gioco: tutti i pilastri devono essere allo stesso livello (preferenzialmente piano terra o quello a metà)
2. Un giocatore posizione 5 cubetti sui 5 pilastri della sua parte di scacchiera (chiaramente devono formare una fila di 5)
3. L’altro giocatore agirà in difesa e sta dall’altra parte del campo.
Inizio del gioco:
1. Il giocatore coi cubetti (A) muove un cubetto (la prima mossa è di 2 caselle, in avanti o a L…decide il giocatore)
2. Il giocatore in difesa (B) si uove liberamente e cerca una casella da alzare….scopo del giocatore B è cercare di intralciare il giocatore A.
3. Il giocatore A muove un suo cubetto. Il giocatore B, dal pilastro alzato in cui si trova, effettua un’altra mossa…va a cercare un altro pilastro da alzare di 1 per intralciare l’avversario. Importante: il giocatore B può lasciare fino a un massimo di 3 pilastri alzati…alla sua 4a mossa…il giocatore B alza il 4° pilastro e il giocatore A può abbassare a piacimento un pilastro del giocatore B e fare la sua mossa di spostamento cubetto.

E queste sono le mosse classiche. Ora vediamo lo scopo del giocatore B. Oltre che ostacolare il giocatore A, può anche mangiargli le pedine…ma può farlo solo in un modo…una pedina del giocatore A deve essere accerchiata da 4 pilastri del giocatore B…in tal caso…il giocatore B alza il pilastro dove si trova il cubetto, abbassa gli altri 4…e spinge letteralmente il cubetto fuori dal campo di gioco.
Importante, il giocatore B può muoversi solo in piano o scendendo da un pilastro…non vi può salire e non può effetuare salti e non può spostarsi in obliquo. Questo fa si al giocatore A di poter studiare anch’egli una strategia per impedire al giocatore B di mangiargli una o più pedine.

In pratica…i 5 Cavalieri del giocatore A devono cercare di arrivare sani e salvi sull’altra sponda…i Cavalieri del giocatore B devono accerchiare e distruggere quelli del giocatore A. Il gioco finisce quando tutti i cubetti sul campo di gioco o hanno raggiunto l’altra sponda o son stati tutti eliminati.

Chiaramente, il gioco è da farsi in 2 fasi…una volta il giocatore A è quello con i cubetti e il B quello che difende…poi, dopo aver finito…si scambiano i ruoli e si fa un’altra battaglia….alla fine, vince chi dei 2 giocatori ha portato in salvo più cavalieri sull’altra sponda. In teoria vi possono anche esser pareggi.

Apr 27, 2010 - EVENTI DEL Q.I E...    No Comments

Conquista della torre (modalità mosse libere)

Giocatori: da 2 a 4 giocatori
Campo di Gioco: sceglietevi un angolo esterno e alzatelo di 1, poi alzate ancvhe le altre 3 colonne che gli stanno intorno

Prima mossa: fate scende un cubetto, il primo concorrente lo sposta di una casella, poi deve alzare o abbassare 2 colonne…ma non puole alzare quella in cui si trova (per questo primo turno). Il secondo concorrente fa la stessa cosa ma con un altro cubetto che farà scendere dal cielo. Importante è che ogni giocatore a fine turno resti sulla casella occupata dal proprio cubetto. E’ anche essenziale che il giocatore effettui la mossa di alzare/abbassare le colonne stando nella casella occupata dal proprio cubetto.

Svolgimento del resto del gioco: ogni giocatore ad ogni turno avrà a disposizione 3 mosse (1 mossa del cubetto, 2 mosse di colonne). Nel caso in cui un giocatore non possa muovere il cubetto potrà solo effettuare 2 mosse (l’alzamento o l’abbassamento di 2 colonne).

Scopo del gioco: portare il proprio cubetto sull’angolo scelto.

Il gioco sta nel riuscire, abbassando e alzando le colonne, a portare il proprio cubetto al proprio angolo e rendere difficile il gioco dell’altro concorrente ponendo ostacoli sul proprio cammino (alzando o abbassando le colonne). Si puole alzare e abbassare anche la casella dove si trova il proprio cubetto o quello dell’avversario (tranne che alla prima mossa di entrambi). Ultima regola, per nessun motivo si può alzare l’angolo scelto e quello dell’avversario.

Vince chi per primo arriva col proprio cubetto al proprio angolo.